Recensione ” Perfect – la perfezione di un attimo ” di Alison G.Bailey

Buon Pomeriggio Shades

La nostra Niky ha letto e recensito per noi il romanzo

Perfect – La perfezione di un attimo” di Alison G.Bailey

A lei la parola

cover_perfect

Acquista su Amazon

Titolo : Perfect – La perfezione di un attimo

Autore : Alison G.Bailey

Casa Editrice: De Agostini

Genere : Young Adult

Uscita : 8 marzo 2016

•·´¯°· ❤ ·°¯`·•

Trama

Può la vera felicità durare più di un attimo?

È quello che si domanda Amanda, diciotto anni e una vita di insicurezze, quando decide di rifiutare con ostinazione l’amore di Noah. Noah che è il suo migliore amico, la sua anima gemella, il suo cavaliere dall’armatura scintillante. Amanda sa che Noah potrebbe renderla felice, immensamente
felice, ma sa anche che tanta felicità potrebbe non durare. E perdere Noah le spezzerebbe il cuore. Ecco perché preferisce rinunciare a lui, e all’illusione di un momento, piuttosto che vivere con il rimpianto di averlo perso per sempre. Per molto tempo Amanda e Noah si rincorrono, soffocando la passione che li divora, gettandosi a capofitto in storie sbagliate e avventure di una notte. Ma quando un tragico evento sconvolge la vita di Amanda, le cose cambiano. Costretta a lottare con tutte le proprie forze per ricominciare, la ragazza capisce che al mondo non esiste dono più prezioso di ogni singolo istante in cui possiamo respirare, correre, ridere e… amare. E si rende conto di non avere più nemmeno un secondo da sprecare. Perché, a volte, un solo attimo di felicità vale più di una vita intera.

Uno straordinario fenomeno del web, bestseller di Amazon. Commovente come Colpa delle stelle, sexy come After.

Scopri i contenuti extra della versione e-book: un episodio inedito della storia tra Amanda e Noah in esclusiva per i soli lettori digitali, un’intervista all’autrice e altri contenuti originali.

•·´¯°· ❤ ·°¯`·•

Personaggi Perfect

Aveva il potere di donarmi mille vite di felicità. Ma aveva anche il potere di ridurmi in ginocchio. Molte persone non ci penserebbero due volte ad afferrare tanta felicità, ma io no. Più felicità si prova, più devastante sarà la caduta, e c’è sempre una caduta. È inevitabile

Oggi sono qui a parlarvi di un libro che è stato tanto atteso e giudicato. C’è ovviamente chi lo ha amato e chi lo ha fatto a pezzi. Quale sarà la mia opinione?

Iniziamo dai protagonisti. Lei, Amanda (Tweet) Marie Kelly, e lui, Noah Stewart, sono cresciuti insieme, vicini sin da quando sono nati.

Questa inizia come la tipica storia di due amici che si innamorano, ma si sviluppa come non mi è mai capitato di leggere.

Amanda è una ragazza particolare, con tante paranoie sul sentirsi imperfetta, indegna di Noah, quindi, seppur amandolo, lo allontana da sé per il “suo bene”, perché lui merita di meglio.

Noah, invece, è il cavaliere con l’armatura di plastica, colui che lotta sin dalle prime pagine per il loro amore, che sopporta con pazienza i suoi rifiuti e non si arrende mai, poiché lui sa che prima o poi staranno insieme.

Detto così, può anche sembrare un bel libro, ma purtroppo oggi mi ritrovo a smontare pezzo pezzo questo libro deludente. Vi avviso che potrei svelarvi qualcosa di troppo, cercherò di non farlo, ma per spiegarvi fino in fondo il perché del mio giudizio devo per forza riportare alcune cose.

Noah è sempre stato il mio migliore amico, il mio complice, il mio angelo custode, la mia anima gemella, l’amore della mia vita. Il mio tutto.

perfect1

Devo dire che, nonostante fossi partita con delle aspettative molto basse, visti i giudizi di alcune persone, per la prima metà del libro ho amato questo romanzo. Nonostante i comportamenti irragionevoli di Amanda, riuscivo a capirne il perché, e per  lui provavo lo stesso. Seppur Noah a volte facesse delle cose che non digerivo, mi piaceva, poiché era sempre lì, paziente e costante nel suo amore per la sua Tweet. La sua dolcezza, la sua tenerezza, il suo essere protettivo… ma cosa poteva non piacermi di un ragazzo, che pur circondato da tante altre che aspettavano solo un suo cenno, lui continuava ad amare quella che invece lo feriva senza mai arrendersi?

Eppure, devo dirvi che qualche crepa nel bel Noah l’avevo notata, ma ovviamente era anche normale che qualche cedimento questo povero ragazzo doveva averlo, viste le azioni di Amanda.

Una volta arrivata a metà di un libro che fino a quel momento era un cinque pieno, le cose iniziano a precipitare. La stupidità di Amanda arriva a un punto che non la puoi più tollerare.

Ma cavolo (scusate la parola), se ami qualcuno, come fai a sopportare che un’altra lo tocchi? Come puoi stare lì, ferirlo a morte per le tue paranoie ridicole, capire di averlo perso, ma continuare a non dirgli dei tuoi sentimenti per paura di perderlo? È ridicolo e senza senso, e questo ragionamento si può accettare fino a un certo punto, perché poi, nonostante tutta l’obbiettività e la pazienza di questo mondo, non puoi proprio comprenderla.

 Stargli lontano non diminuì il mio bisogno o il desiderio per lui. Anzi, quei sentimenti si intensificarono. Mi mancava tutto di Noah: il suo sorriso, la sua voce, i suoi abbracci, come mi faceva ridere, il tempo che passavamo al nostro posto a parlare di tutto.

perfect2

Per me è inconcepibile che il ragazzo che ama le sbava dietro per anni e lei si continua a buttare fra le braccia di altri per motivi stupidi e incomprensibili. Se ti ha sopportato in tutti questi anni, cosa che noi lettori non siamo riusciti a fare neanche per un solo libro, allora davvero vuol dire che non ha senso aver paura di perdere quella persona. Anche perché, a causa dei suoi rifiuti, Amanda ha perso Noah ripetute volte. Di cosa ha paura? Di qualcosa che è già successo?

Le sue paure avrebbero avuto un senso una o due volte, ma poi la paura si supera, perché i forti sentimenti, la gelosia, la lontananza, ti spingono a prenderti ciò che vuoi.

E Noah? Ne ho anche per lui. Ho trovato ridicolo il suo dividersi fra le sue “due ragazze”, quella che amava, e quella con cui stava insieme. Capisco che cercava di andare avanti, ma mi ha comunque infastidita il fatto che non riuscisse a stare senza una donna.

E vogliamo parlare dei personaggi secondari? Ancora non ho capito che senso abbia per l’autrice scrivere un libro su un Brad, il cui unico mio parere su di lui, è che è un idiota.

E quando finalmente i due si sono dichiarati amore, il mio giudizio sui due protagonisti era calato così tanto, che sono rimasta indifferente. Forse anche per il modo ridicolo in cui è successo.

Il presente è perfetto, giovane cavalletta, perché respiriamo, ci muoviamo, ridiamo, piangiamo e ci sorprendiamo quando troviamo qualcuno con cui creare un legame. Smetti di vivere nel passato, smetti di sprecare il presente.

Tanto tempo ad urlare alla protagonista che stava sbagliando, e alla fine bastava una frase idiota per farle cambiare idea. Non l’ho capita assolutamente. Questo libro si è basato su una paranoia della protagonista, che è andata avanti fino a ridicolizzare tutto. Se il libro si fosse fermato a quel tavolo rotto, e Amanda fosse tornata indietro, e si sarebbe presa Noah, il mio giudizio oggi sarebbe diverso.

Invece è proprio lì che comincia la fine di tutto.

Il suo insistere a rifiutare Noah, il suo buttarsi fra le braccia di qualsiasi uomo quando poteva avere quello che amava, le sue paranoie ridicole, e infine il suo affermare che esistono più di due anime gemelle, che i suoi sentimenti per Dalton sarebbero potuti diventare forti come quelli per Noah. A questo punto mi chiedo, dove sta il suo amore per Noah? E perché l’autrice non l’ha fatta mettere con Dalton, visto che anche lui era la sua anima gemella, che la capisce come nessuno, verso cui non prova questo senso d’inferiorità? E vogliamo parlare della frase “se non ce l’ha fatta Emily non ce la posso fare nemmeno io”?

Vorrei dire di essere arrabbiata, come spesso mi capita quando termino una lettura che mi ha delusa,  ma in realtà alla fine ero talmente sconvolta di come un libro scritto così bene avesse preso quella piega, che sono rimasta totalmente indifferente.

Immagino che già molte di voi l’abbiano letto, e credo che molte concorderanno con me, alle altre mi sento di chiedere cosa ci hanno trovato in questo libro.

Niente è mai stato sprecato, se si trattava di te. Né il mio tempo, né i miei pensieri, né il mio amore. Non rimpiango nulla della mia vita con te, nemmeno i momenti in cui siamo stati lontani. Quei momenti mi hanno dimostrato quanto ti appartenessi. Sapevo che un giorno saremmo stati insieme. Dovevo soltanto essere paziente. E per avere te, valeva la pena di aspettare tanto.

Un bacio Niky

Our Score
Our Reader Score
[Total: 2 Average: 3.5]