Recensione ” Poison ” di Daniela Ruggero

Sfumature.

Ho letto e recensito per voi il romanzo di Daniela Ruggero

“Poison”

51akb40us9l-1

Acquista su Amazon

Titolo : Poison

Autore : Daniela Ruggero

Genere : Romanzo

Casa Editrice : Self Publishing

Uscita : 4 Settembre 2016

 

Trama

Sara è una ragazza semplice, dal viso pulito e dal sorriso gentile. La sua vita è stata segnata da un’infanzia dolorosa. Andrea è il rampollo di una famiglia ricca e potente, tradito dal suo più grande amore chiude le porte della sua anima trasformandosi in un cinico maniaco del controllo.
Il destino li unisce in un incontro casuale e sfuggente. I loro sguardi si incrociano e da quel momento nulla sarà più come prima. Nell’intensità di una storia dettata dal possesso e dalla passione portata al limite, Sarah e Andrea condivideranno le vite, mescolando il dolore dal loro passato alla speranza per il futuro. Ma può un cuore traboccante di rabbia ricominciare ad amare?

Carissime sfumature.

Poison lo potrei definire un tornado di emozioni da mille vortici inaspettati.

Parliamo di Sara, che sin dall’infanzia ha avuto una vita infelice, segnata da scosse e pianti di genitori, di un padre soprattutto , che la degnava solo di sguardi ricchi di disprezzi, e l’unica persona che poteva darle un pochino di conforto era la sua amica d’infanzia Rebecca e dal fratello di costei Fabio.

“Anche al diavolo una donna sa domare l’anima”

Si, da quando Sara incrocia lo sguardo freddo di Andrea, l’amico di Fabio, inizia  un corteggiamento che va oltre al normale.

Dalla purezza al peccato, alla lussuria, al desiderio…

“Quegli occhi blu come il mare si erano insinuati nella mia anima, tanto da fissarsi come il negativo di una pellicola”

Andrea, seppur dall’aspetto e dagli atteggiamenti si mostrerà essere un diavolo conquistatore, ha anche lui sofferto molto in passato, e le ferite profonde seppur possano sembrar guarite al di fuori, sanguinano sempre dentro una persona, soprattutto se è la più cara a farci morire lentamente, senza un se, senza un ma.

Il carattere dominante di Andrea sarà per Sara una dipendenza alla quale ella stessa non potrà farne a meno, e un carattere che conosce bene le proprie carte e sa come giocarsele otterrà sempre ciò che vuole.

Sinceramente non trovo parti negative nella storia, solo avrei preferito un po meno dominante lui in certi punti, ma questo non guasta di certo il mio giudizio.

Anche se mi sono complimentata già in privato con l’autrice, la quale voglio ancora una volta ringraziare per avermi dato l’opportunità di poterlo leggere, voglio complimentarmi ancora una volta, augurandole una vita di successi letterari alle quali merita questo e altro,

Un bacio a tutte ragazze e mi raccomando , se non lo avete ancora letto.

Cosa state aspettando????

Giulia

Our Score
Our Reader Score
[Total: 0 Average: 0]